venerdì 1 agosto 2008

Video: Steve Jobs(seconda parte)trova quello che ami


Ciao!
Ecco la seconda parte del video di Steve Jobs, l'inventore di Apple(la prima parte del video la trovi qui).

In questa seconda parte continua il suo discorso all'Università di Stanford portando una difficile situazione che gli ha presentato la morte come agente di cambiamento e da cui ha tratto un profondo insegnamento sulla vita.

Guarda il video e lascia un commento



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

5 commenti:

rinez ha detto...

Ho trovato affascinante il video, e come sempre bisogna prendere il meglio da tutti, tralasciando il peggio, dato che da oggi si fa un gran parlare di Apple che controlla i suoi clienti tramite l'iphone (notizia dichiarata anche da Steve).
Ma d'altronde lo fa anche Microsoft, perche' essere da meno?

Manuel ha detto...

grazie rinez!
infatti il post ha come obiettivo non fare pubblicità a jbs ma al pensiero che ha espresso attraverso questi racconti, penso che sia sempre utile avere una mentalità orientata a "vivere bene"nonostante a volte la vita possa subire dei rallentamenti..
Ciao
Manuel

barbara ha detto...

Non è infatti la grandezza della figura a coinvolgere lo spettatore...ci sono molti geni "casuali"...quanto la bellezza delle arole semplici...siate affammati e folli...pensare: "se questo fosse l'ultimo giorno della mia vita, lo vivrei così?"..ma perchè è così difficile allora?

Manuel ha detto...

Ciao Barbara!
mi permetto di suggerirti qualcosa di banale per la questione difficoltà..a volte è solo una "questione di contesto", presi nei nostri ritmi non ci ritagliamo tempo per toglierci dai vecchi condizionamenti..a volte cambaire luogo aiuta!

Ti faccio un esempio..sono appena tornato dalla Sardegna e un po di tempo l'ho dedicato ad isolarmi nella natura..e farmi la domanda" se fosse possibile salire di livello nella mia vita a cosa richiederebbe maggior attenzione/tempo?"

Ciao
Manuel

barbara ha detto...

Accetto con piacere la risposta...ma per arrivare ad una certa maturazione è necessario il tempo e a volte non si vuole trovarlo (per paura di trovare facili risposte magari ad infinite domande). Anche io mi sono goduta il silenzio di stare con me stessa..di istinto alla domanda finale risponderei: gli altri.